ik3qar.it ik3qar.it
Sei il visitatore nr. 9218795 
english languageEnglish Version
Pagina iniziale
Ricerche On Line
Managers On Line
Logs On Line
RTTY
Interfaccia per RTTY
FSK o AFSK ?
IOTA / IIA in EU131
Isole di Venezia
Le mie attività IIA
VE-06 San Giacomo
VE-12 Santa Cristina
VE-13 La Salina
VE-14 La Cura
VE-16 S.Francesco
VE-29 Campana
VE-30 Ex Poveglia
VE-31 Fisolo
VE-38 Lazzaretto N.
VE-39 Sant'Ariano
Diplomi
Wais
I.D.C.A.
Software
QARTest
Visual WAIS
Contest
Punteggi Dichiarati
Contest University
Varie
HAM Links
Scrivimi
 
VE-38 Lazzaretto Nuovo

IOTA: EU131     IIA: VE-38     WW Loc: JN65EK     Wais Square: BK35     Stato: Mantenuta da volontari

L'isola, attorno al XII secolo, divenne proprietà dei monaci dell'isola di San Giorgio Maggiore, i quali edificarono una chiesetta intitolata a S.Bartolomeo.
Nel 1468, venne istituito alla Vigna Murada un lazzaretto con compiti di prevenzione del contagio, detto "Novo" (nuovo) per distinguerlo dall'altro già esistente al Lido, dove invece erano ricoverati i casi conclamati di peste.

Usata dai militari ancora in questo secolo, soprattutto durante la Prima Guerra mondiale, l'isola è stata dismessa nel 1975 e quindi affidata ad un'associazione di volontari l'Ekos Club, che ne assicura la gestione e la custodia.

Nella foto qui a fianco, uno degli abitanti dell'isola che si gode la "pennichella".

L'isola del Lazzaretto Nuovo (anticamente chiamata "Vigna Murada") ha una superficie di circa 2 ettari ed è situata di fronte all'isola di Sant'Erasmo, sul canale omonimo. Ha avuto, probabilmente fin dall'antichità, un'importante funzione strategica a controllo dell'ingresso in laguna. Il primo documento scritto che testimonia la presenza umana risale al 1015, ma alcuni reperti quali punte di frecce indicherebbero insediamenti sin dall'età del bronzo.

Molti edifici vennero costruiti per rendere efficiente il nuovo lazzaretto; tra questi, il principale è il "Terzon Grande", il più grande edificio pubblico di Venezia dopo le Corderie dell'Arsenale (lungo più di 100 metri). Nel corso del 1700, vari fattori portarono al progressivo decadimento e quindi all'abbandono del Lazzaretto Novo.
Durante il dominio napoleonico e sotto quello austriaco l'isola venne utilizzata per scopi militari, entrando a far parte del sistema difensivo del porto del Lido.


All material at ik3qar.it Web site Copyright © 2001-2017 IK3QAR. All rights reserved.